fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

Long hair is an unpardonable offense which should be punishable by death. — Morrissey

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER

Enrico Veronese

Gente che ne sa #3: il 2011 di Enrico “Enver” Veronese

Enrico Veronese ha postato questo articolo il 31/01/2012
Audio Carne Fresca Featured Rock + Pop Video //

Un tempo faceva il “logistic manager” per produzioni videografiche e allestimenti artistici alla Biennale di Venezia o all’Expo di Shanghai. Poi s’è dato al giornalismo come cronista culturale, informatore musicale, radio speaker. Ha scritto per il quotidiano La Sera di Parma, L’Unità, EPolis, Blow Up e numerose pubblicazioni online. E’ il blogger dietro il progetto Italian Embassy. E’ consulente alla comunicazione e alla promozione per alcune band dell’area indipendente italiana. E’ Enrico “Enver” Veronese, e questo è il suo 2011 in canzoni (il nostro invece è sempre qui). (Margot)

Verdena – “Razzi arpie inferno e fiamme”

La cisposità dell’alba dell’anno presto si dissolve negli arpeggi di un brano suonato sulle nuvole.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Mournful Congregation – “The Book Of Kings”: le trame oscure del funeral doom

Nico Segantin ha postato questo articolo il 30/01/2012
Audio Metal + Punk //

Il funeral doom è da sempre un oggetto di culto per pochi in iniziati. Da quando i Thergothon diedero inizio, insieme a pochi altri, a questa sottocategoria di un genere già di per sè di nicchia, fu subito chiaro come non fosse destinato ai classici metallari, e nemmeno a chiunque prenda sottogamba questa proposta musicale.

Gruppi come Esoteric, Skepticsm ed, in parte, Evoken parlano un linguaggio ostico oscuro e impegnativo. Brani dalla durata spropositatata, grevi, opprimenti eppure a tratti eterei e dilatati quasi al di là della sopportazione, capaci però di produrre una sorta di trance perfettamente in grado di spalancare nuove porte della percazione a chi ne sopporti l’estremo linguaggio. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Alessandro Bonetti

¡Viva España! 5 band iberiche per una scena indie in ebullición

Alessandro Bonetti ha postato questo articolo il 29/01/2012
Carne Fresca Featured Rock + Pop Video //

Una volta li guardavamo come i nostri cugini poveri, credendoci superiori in molti campi; e poi, piano piano, le nostre certezze si sono sciolte come neve al sole. Dal boom economico (beh, con qualche difficoltà anche loro nell’ultimo periodo) allo sport passando per la musica, la nazione iberica ha dimostrato che alla fine la Spagna è ben piú di jamon serrano e paella

Ecco quindi in rapida rassegna cinque gruppi che in questi ultimi anni sono saliti alla ribalta di una scena indie in continua ebullición.
Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Barnaba Ponchielli

Gente che ne sa #2: il 2011 di Barnaba Ponchielli

Barnaba Ponchielli ha postato questo articolo il 28/01/2012
Audio Featured Rock + Pop Video //

E’ stato per 10 anni la guida della Musica dell’intero network Zero (Milano, Bologna, Firenze, Torino, Roma e non solo), poi se n’è andato, gli ha fatto causa e ha vinto. Magra consolazione. Ha collaborato con Rolling Stone, Vogue, Vice, Blow Up, Rumore, D, Sette, Rockit, Jam, Series, University Box, As You Are, Women e altri. In pratica rimane fuori giusto Cucina Italiana e Quattroruote, ma potrebbe essere solo questione di tempo. Ha anche una piccola etichetta discografica,  Sangue DiskenAnche a Barnaba abbiamo chiesto di indicarci le sue 10 canzoni del 2011, dopo che ci siamo divertiti come matti a farlo noi. (Francesco)

#1. Manetti! “Trainspotting” (dall’omonimo album uscito per Sangue Disken)

Apre un gran disco (ed è il loro prossimo singolo) fatto di gran belle canzoni, che sanno di nostalgia e di lago, di anni novanta e di provincia. Perfette e contagiose, proprio come questa.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Blind Guardian – “Memories of a Time to Come”: non sempre il trucco fa belli

Marco Banfi ha postato questo articolo il 27/01/2012
Featured Metal + Punk Video //

Ci mancava. In effetti, un “Best Of” nell’ormai più che ventennale carriera dei Guardiani Ciechi non si era visto. Alcuni live sì, una vera e propria raccolta, no.
E, ovviamente, dovendosi approcciare al tema, i BG lo fanno alla loro maniera: non una semplice raccolta di pezzi, ma una riedizione in forma di remix o di reincisione per i pezzi più vecchi. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Sopa e Pipa: la morte di internet e il silenzio assordante degli artisti

Nicolò Mulas ha postato questo articolo il 26/01/2012
Featured Miscellanea Video //

Copyright e web sono sempre stati due acerrimi nemici, e questo lo sanno bene tutti gli artisti fighetti di oggi (e gran parte di quelli di ieri), che vedono nella rete non un’opportunità di maggiore pubblicità, ma una causa di mancati guadagni. Ma cosa sono SOPA e PIPA e perché fanno tanta paura?

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Andrea Costanzo

Junk’s Trunk #15 – It’s Only Rock N Roll (and Psychobilly and Surf) but I like it!

Andrea Costanzo ha postato questo articolo il 25/01/2012
Audio Rock + Pop //

Un episodio veloce e “vintage”, tutto dedicato al classico rock ‘n’ roll degli anni ’50 (e ad alcuni suoi derivati più recenti), allo psychobilly e al Surf…. Da ascoltare a tutto volume lasciandosi andare e battendo il piede!

- The Ventures “Pipeline”
- Jerry Lee Lewis “Great Balls Of Fire”
- Chuck Berry “Roll Over Beethoven”
- The Cramps “Tear It Up”
- Rverend Horton Heat “Psychobilly Freakout”
- The Jim Jones Revue “High Horse”
- The Flamin Sideburns “Blow The Roof”
- Link Wray “Ace Of Spades”
- Eddie Cochran “Cmon Everybody”
- Little Richard “Golly, Miss Molly!”
- The Flat Duo Jets “Frog Went A Courtin”
- Brian Setzer Orchestra “Jive, Jumpa And Wail”
- The Stray Cats “Rock This Town”
- Dick Dale “Nitro”

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Loma Prieta – “I.V.”: quando il nuovo anno inizia con l’apocalisse

Alessio Iocchi ha postato questo articolo il 24/01/2012
Carne Fresca Featured Metal + Punk Video //
Loma Prieta

I Loma Prieta. La band punta tutto sull'avvenenza fisica dei suoi componenti.

Meglio mettere le cose in chiaro fin da subito: i Loma Prieta firmano con questo “I.V.” il loro capolavoro. Senza se e senza ma. Non che i precedenti non fossero roba di livello, ma questo ha un quid in più, un qualcosa di indefinibile che lancia il disco oltre l’orbita del ‘bello’. Sarà che è il frutto ardito di un periodo particolarmente nero per i ragazzi della Bay Area (come precisano nel booklet)? Si sa, infatti, che i lavori artistici migliori arrivano dopo un doloroso travaglio interiore. Sarà pure che il calderone emotivo e la conseguente equazione di rabbia, angoscia e sofferenza è talmente ribollente e coinvolgente, che è impossibile non avere parole di elogio per un lavoro come questo. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Angelo Mora

Gente che ne sa #1: il 2011 di Angelo Mora

Angelo Mora ha postato questo articolo il 23/01/2012
Audio Featured Metal + Punk Video //

Se vi interessate di tutto ciò che va dall’hard rock al metal più estremo, sapete necessariamente chi è Angelo Mora: piemontese, 35 anni, scrive di musica rock/metal da quando ne ha 19, è stato per diversi anni caporedattore di Psycho! e di Metal Hammer. In libreria trovate più di un testo a sua firma (e abbiamo avuto il piacere di collaborare a proposito del libro qui citato). Oggi collabora con Rock Hard e tiene pure un piede nel lato oscuro della forza (la discografia), lavorando per Scarlet Records e Bakerteam Records. Gli ho chiesto di raccontarci il suo 2011 (dopo che ci siamo divertiti parecchio a farlo noi) in termini di canzoni… (Francesco)

# 1. Social Distortion – Far side of nowhere

Dedicata a tutti quelli che “i Social non fanno più hardcore”. Breaking news: non lo fanno più dal 1988, circa.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Andrea Costanzo

Il 2011 in 6 canzoni (Andrea)

Andrea Costanzo ha postato questo articolo il 22/01/2012
Audio Featured Metal + Punk Rock + Pop Video //

Lo ammetto: nonostante sia un’ascoltatore di musica a 360 gradi, vorace ed incontrollabile, scrivere una lista per me é un’impresa vicina all’auto-tortura. E non perchè abbia troppi brani in mente e non riesca a limitare il numero, ma perchè pochissimi dei brani e dischi che ho ascoltato quest’anno (che pure non è stato carente di materiale di qualità), sono veramente meritevoli di una citazione o di essere considerati “essenziali” o rappresentativi. E alla fine, pur ascoltando ogni sorta di genere e stile, il mio cuore si è gettato dove risiedono le mie prefrenze: il doom, lo stoner, l’hard rock (con un’inevitabile eccezione). Che ci volete fare, è nel sangue. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Steel Panther – “Balls Out”: un album con le palle (per una band con gli spandex)

Marco Banfi ha postato questo articolo il 21/01/2012
Carne Fresca Metal + Punk Video //

Dobbiamo tutti essere grati agli Steel Panther per “Balls Out“, loro secondo lavoro in studio, un disco che, al pari della band che lo ha prodotto, ci ricorda come deve essere l’hard&heavy: easy, trascinante e – soprattutto – molto, molto politicamente scorretto! Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


I Metallica rifanno il Black Album a Udine? E noi lo ri-recensiamo.

Francesco Eandi ha postato questo articolo il 20/01/2012
Featured Metal + Punk Video //

I Metallica del 1991. Bei tempi: c'era ancora Jason Newsted, Lou Reed era un rispettato rock man che non c'entrava nulla con la band, St. Anger era ancora molto in là da venire.

La notizia è ufficiale: i Metallica saranno a Udine il 13 maggio 2012, unica tappa italiana del tour che celebra i 20 anni del Black Album – ovvero il disco che ha fatto scalare un paio di ordini di grandezza tanto alle loro vendite quanto al loro conto in banca. E quindi the four horseman (o meglio, come ironizzava qualcuno sulle sembianze animalesche di Robert Truijllo, the three horsman and one gorilla) rieseguiranno tutto il disco canzone per canzone, da “Enter Sandman” a “The Struggle Within”, passando per il lentone strappa-mutande (ma con le borchie) “Nothing Else Matter”.

Ora, siccome dei Metallica in generale e del Black Album in particolare io ne ho scritto il giusto in vari contesti, colgo l’occasione per riproporvi un’approfondimento (chiamarlo solo recensione è riduttivo) sul disco suddetto, uscito nel 2003 nel libro “I 100 dischi ideali per capire il rock hard & heavy“, edito da Editori Riuniti (e recensito recentemente qui in modo lusinghiero). Forse per farlo dovrei chiedere il permesso alla casa editrice, ma con quello che mi pagarono ai tempi, e col fatto che sono ormai passati nove anni circa, non mi porrò troppi problemi. E dunque, il mio pezzo faceva così:  Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Il 2011 in dieci canzoni (Nicolò)

Nicolò Mulas ha postato questo articolo il 19/01/2012
Audio Featured Rock + Pop Video //

Condensare un intero anno musicale in una classifica di sole dieci canzoni è sempre un’impresa ardua. Ma, tralasciando la forma della classifica, i seguenti dieci brani per vari motivi tratteggiano secondo me un discreto ritratto del panorama indie rock internazionale dell’ultimo anno. E non mancano picchi di eccellenza.

Bon Iver – Holocene

Quando è uscito questo disco, che reputo uno dei migliori del 2011, le aspettative dal buon Bon Iver erano tante e per quanto mi riguarda sono state tutte ripagate in pieno. “Holocene” è il brano che meglio riassume tutte le emozioni che il suo ultimo riserva.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Songs For The Sleepwalkers – “Down The Line” [Mp3]

Margot Del Rei ha postato questo articolo il 18/01/2012
Audio Carne Fresca //

Chi: Songs For The Sleepwalkers
Cosa: “Down The Line” (tasto destro e “save link as…” per scaricare)
Tratto da: “Our rehearsed spontaneous reactions”
Genere:  indie-folk / alternative

Dicono loro“Our rehearsed spontaneous reactions è un album che cerca di illuminare una notte t roppo buia”. Dalla regione del lago Mälaren (Svezia), un disco in bilico t ra folk notturno e rock alternativo con sfumature eclettiche. L’intero album, preceduto un mese fa dal doppio singolo Icarus Falling / Tell me how, è disponibile in download gratuito o su donazione via bandcamp, oltre che in un’edizione limitata in digipak CD.

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Come attivare Google Music e vivere felici (rimanendo in Italia)

Francesco Eandi ha postato questo articolo il 17/01/2012
Featured Miscellanea //

Il simbolo del servizio Google sono un paio di cuffie. Quello di iTunes una nota. Originali.

Mai sentito parlare di Google Music? Funziona più o meno come iCloud della Apple. Che funziona più o meno come Amazon Cloud Drive - di Amazon, appunto.

Che sono servizi nuovi, talmente nuovi che il primo e il terzo in Italia non sono ancora arrivati, e in pratica consentono di rendere ubiqua la vostra raccolta di mp3 e formati simili, copiando da qualche parte sulla nuvola (vale a dire presso qualche server dislocato ovunque tra New York e Timbuctù) tutta la vostra collezione sonica, onde potervela rendere disponibile quando volete attraverso browser (Google e Amazon), o attraverso smartphone (Google, Apple, Amazon: ma per il servizio Apple dovete ovviamente avere l’iPhone…).

Esempio. Siete passati a trovare la nonna, volete assolutamente farle sentire la vostra versione, precedentemente registrata con Garage Band,  di “Can’t get my eyes off you” (nell’edizione originale di Frankie Valli, ma in chiave dubstep), ma avete dimenticato a casa l’iPod. Ecco, con Google Music funziona così: accendete il computer della nonna, vi loggate nel vostro account Google Music, e mettete al massimo le casse. O meglio ancora se avete uno smartphone: con l’app giusta, chi ha più necessità di un iPod? Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Andrea Costanzo

Junk’s Trunk #14 – Soul, Funk, Rhythm & Blues…

Andrea Costanzo ha postato questo articolo il 16/01/2012
Audio Rock + Pop //

Questa settimana mi sono deidicato alle sonorità “roots“. Troverete l’ assalto supergroovy dei Funkadelic, il mood sexy di Teddy Pendergrass e molto altro. Con il mio personale, viscerale chiacchiericcio a far contorno. Dig it!

- Funkadelic “Super Stoopid”
- Al Green “Love And Happiness”
- Tower Of Power “What Is Hip”
- Sam Cooke “Wonderful World”
- Trainwreck In Sarasota “Aint No Sunshine”
- Teddy Pendergrass “Love TKO”
- Troublefunk “Drop The Bomb”
- James Brown “Get Up Off That Thing”
- The Gap Band “You Dropped A Bomb On Me”
- The Isley Brothers “For The Love Of You”
- Sly And The Family Stone “Everyday People”
- The Spinners “It’s A Shame”
- Blue Magic “Sideshow”
- Chaka Khan And Rufus “Tell Me Something Good”

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Vallenfyre – “A Fragile King”: la nuova band di Greg Mackintosh (Paradise Lost)

Nico Segantin ha postato questo articolo il 14/01/2012
Audio Carne Fresca Featured Metal + Punk //
Vallenfyre

Questi sono i Vallenfyre, ritratti come si può vedere in pieno sole. Quello in primo piano è Greg Mackintosh.

Dopo gli Alternative 4 di Duncan Patterson, un altro protagonista della scena doom albionica, Gregor Mackintosh dei Paradise Lost, si presenta alla ribalta con un nuovo progetto a nome Vallenfyre. Portando con sè Erlandsson dai ‘Lost e Glenncross dai My Dying Bride, più altri due (Scott e Mully) membri non provenienti da altre bands, il nostro dà fondo alla sua passione per i suoni grevi di Entombed, Asphyx e Bolt Thrower (gruppo amato dallo scomparso padre di Mackintosh a cui è dedicato il disco) infarcendoli  con opportune iniezioni doom proprie dei suoi esordi e riversandola in questo CD uscito per la Century Media. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Alessandro Bonetti

Il 2011 in dieci canzoni (Alessandro)

Alessandro Bonetti ha postato questo articolo il 13/01/2012
Audio Featured Rock + Pop Video //

Sintetizzare un intero anno col suo inevitabile corollario di emozioni, delusioni, speranze e sorprese e distillare il tutto in un estratto di dieci brani é un lavoro di ricerca, ascolto ed assimilazione che lascia dei buchi disseminati da quell’intricato reticolo chiamato vita. Allora allacciatevi le cinture e gustatevi un viaggio tra saliscendi ed anfratti cavernosi, gemme inaspettate e piacevoli conferme. In no particular order.

Gazebo Penguins – Senza di Te

Un brano che ha assolutamente tutto: ritmo, infettivitá, testi. Il miglior pezzo indie italiano del 2011. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Alternative 4 – “The Brink”: il (quasi) ritorno a casa di Duncan Patterson

Nico Segantin ha postato questo articolo il 12/01/2012
Audio Carne Fresca Featured Metal + Punk //

Spero sinceramente che molti estimatori degli Anathema riconoscano a Duncan Patterson il suo ruolo in dischi come “Eternity” e “Alternative 4″. Personalmente sono sempre stato dell’idea che senza il suo apporto i fratelli Cavanagh abbiano perso davvero tanto.

In seguito alla sua dipartita Duncan ha tentato di distaccarsi un minimo dalla sua proposta precedente con progetti come Antimatter ed Ion, sensibilmente dilatati, più trip-hop uno, più etnico l’altro. A distanza di anni però ha voluto confrontarsi nuovamente con il bassista degli Anathema che fu, riprendendo (anche nel nome) da dove aveva lasciato. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Andrea Costanzo

Junk’s Trunk #13 – Brit Rock, Pop e dintorni albionici…

Andrea Costanzo ha postato questo articolo il 11/01/2012
Audio Featured Rock + Pop //

Che piacciano o meno (a me piacciono), il brit rock e il brit pop sono due generi che hanno invaso e dominato la scena musicale recente (e degli anni passati). Ho voluto tentare di creare una playlist con un occhio rivolto soprattutto all’ultimo decennio. Alcune cose essenziali, altre meno. Tutto come al solito, soggettivo e molto personale.

- Radiohead “Paranoid Android”
- Pulp “Common People”
- Ash “Girl On Mars”
- Keane “Sonmewhere Only We Know”
- Suede “Beautiful Ones”
- Oasis “Dont Look Back In Anger”
- Muse “Plug In Baby”
- The Verve “The Drugs Dont Work”
- The Libertines “Time For Heroes”
- Manic Street Preachers “She Is Suffering”
- Ocean Colour Scene “Better Day”
- The Decemberists “Mariner’s Revenge

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Penguins’ zeitgeist (dicembre 2011 + tutto il 2011!)

Margot Del Rei ha postato questo articolo il 10/01/2012
Featured Miscellanea //

Il concetto è che siete degli scrocconi. Due compilation ai vertici (mensile / annuale) delle classifiche dei post più letti. (La foto è tratta da qui: www.flickr.com/photos/planetbond)

Compagni, cittadini, fratelli, partigiani – come direbbe Giovanni Lindo Ferretti (ma non ora; qualche anno fa). Chiuso dicembre, s’è chiuso anche il 2011 e quindi ora vi beccate doppia classifica.

Cos’avete letto più assiduamente a dicembre 2011? Ma soprattutto: cosa avete letto più volenterosamente in tutto il 2011 (che poi vuol dire circa da giugno, dal momento che Penguins è nato sul finire di maggio 2011)? Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Per il loro ventesimo anniversario ritornano i Nasum!

Nico Segantin ha postato questo articolo il 09/01/2012
Metal + Punk //

“Se le cose fossero andate differentemente i Nasum festeggerebbero quest’anno il loro ventesimo anniversario.” Recita così lo statement pubblicato sul sito dei Nasum. Purtroppo il cantante/chitarrista Mieszko Talarczyk morì in seguto allo tsunami asiatico del 2004 ed immediatamente i Nasum cessarono di esistere.

Oggi, a distanza di 8 anni, la band decide di suonare pochi show (soprattutto festivals) nel 2012 per celebrare i 20 anni dando un finale saluto ai fan ed anche al loro compagno mancante. Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Il 2011 in 10 canzoni più una (Francesca)

Francesca Garattoni ha postato questo articolo il 06/01/2012
Audio Carne Fresca Featured Rock + Pop Video //
Michael & Cody playing

Telekinesis in concerto al Sonic Boom Records (Seattle, WA) in occasione del Record Store Day 2011

Fare una classifica per quello che mi sembrava fosse un anno senza uscite musicali di particolare rilievo si è rivelato un compito ben più arduo del previsto: da quelle 3-4 canzoni che mi si sono conficcate in testa al primo ascolto, ne sono scaturite altre e poi ancora altre e altre ancora, facendomi rendere conto che tutto sommato anche il 2011 ha saputo riempire le mie orecchie con ottima musica. A malincuore ho dovuto però darmi un freno nella scelta dei pezzi, escludendo artisti come dEUS, Cass McCombs e Puscifer (solo per citarne alcuni) assolutamente meritevoli di un posto in classifica, ma che almeno devono avere l’onore di essere menzionati.

Ecco quindi la mia selezione per quest’anno, scelta secondo il mio personalissimo gusto, che non fa particolari distinzione tra quello che è electro-romantic-rock, latte-alle-ginocchia-pop, mainstream-sono-su-ogni-radio-ogni-3×2 o indie-che-solo-io-conosco-questo-gruppo, ma semplicemente distingue tra “bello, mi piace” o “indifferente\proprio no”.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

Federico Guglielmi

10 buoni motivi per salvare il Mucchio

Federico Guglielmi ha postato questo articolo il 05/01/2012
Featured Miscellanea Rock + Pop //

Se ne è parlato qui del rischio chiusura, condito da nutrite polemiche, dello storico Mucchio Selvaggio. Ma il modo migliore per spegnere le polemiche è rifarsi ai fatti, nudi e crudi. Ed è un po’ quello che ho chiesto a Federico Guglielmi, che del Mucchio è di gran lunga uno dei volti più noti. (Francesco)

La prima cosa da chiarire è che il Mucchio non chiude. Il Mucchio, però, è in difficoltà e rischia di chiudere. Perché? Perché il 20 dicembre il governo Monti ha confermato nella nuova manovra i tagli al fondo per l’editoria dei quali beneficia anche il nostro giornale. Si può essere d’accordo o meno sui finanziamenti al settore (che comunque consentivano di assumere professionisti e di garantire entrate ai collaboratori esterni), si può discutere sui criteri e le regole che li disciplinano, ma credo che su un punto tutti siano d’accordo: se i tagli sono retroattivi c’è puzza di ingiustizia. Due settimane fa lo Stato ci ha tolto il 15 per cento su quanto concordato per spese sostenute nel 2010 (le sovvenzioni arrivano infatti a distanza di un anno) e ha preannunciato la disponibilità a saldare solo il 50 per cento di quanto previsto per il 2011.

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!


Il 2011 in 9 canzoni (Marco)

Marco Banfi ha postato questo articolo il 04/01/2012
Audio Featured Metal + Punk Video //

Kung Fu Panda e un amico provano i vestiti di scena dei Dark Funeral

Premessa generale: il 2011 è stato veramente un anno da poser. Culminato con una chat su facebook in cui una stimata collega è arrivata a dirmi “Penguins Love To Rock è troppo metal“: volevo istantaneamente rimuoverla dagli amici e quindi impalarla sotto casa (non abita nemmeno molto lontano da me) inneggiando a Odino, ma visto che invecchiando sono diventato anch’io un po’ poser…

Altra premessa generale: avrei voluto fare un posto di 10 pezzi come tutti, ma a 9 ho capito il perché l’età media dei brani che ho sentito quest’anno sia stata prossima ai 15 anni. Fatte queste doverose premesse, ecco la mia umile poll, in ordine totalmente sparso, di canzoni che bene o male ho sentito nel 2011… anche se qualcuna non è proprio del 2011…

Crown of Autumn – In the Garden of the Wounded King

In assoluto il disco dell’anno. E di gran lunga!

http://www.youtube.com/watch?v=GbuWzNcbz2Q

Continua a leggere »

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Commenta!

« Post precedenti

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)