fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

Long hair is an unpardonable offense which should be punishable by death. — Morrissey

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER

De Pinguinibus (ovvero: chi siamo)

Penguins Love To Rock è un blog collettivo di un gruppo di autori.

Dal momento che  tra internet e riviste (più il primo che le seconde) il numero di uscite di dischi, band, artisti, nani e ballerine che reclamano attenzione è spropositamente alto, i suddetti autori, fini musicofili, cultori della materia, sinceramente appassionati, ecc. ecc. usano Penguins per segnalare quanto – ad insindacabile loro augusto giudizio – valga la pena ascoltare.

Poi, ogni tanto, si lasciano prendere la mano e sproloquiano anche un po’ su questo e su quello, tipo se è Ke$ha ad aver copiato da Alice Cooper o viceversa, o se Jim Morrison è davvero morto e non ha invece cambiato nome e aspetto e ora vende esche su un molo a San Diego, alla Frankie Machine.

Inoltre, siccome il modem 56k è grazieadio un ricordo, e  poi perchè anche le asserzioni più severe vanno suffragate da prove concrete, i suddetti autori fanno particolarmente attenzione a fornire quasi in ciascun post un contributo (come direbbero al TG) multimediale, in veste di video, stream audio o mp3 libero e scaricabile, e pure legale (e financo una compilation completamente gratuita).

UnFrequently Asked Questions

Ma c’era proprio bisogno di un altro blog di musica?

Ah, subito la domanda bastarda. Diciamo che quelli che ci sono in Italia non ci piacciono particolarmente, oppure quelli che ci piacciono sono condotti da un unico autore o giù di lì, che bontà sua fa già i salti mortali per scrivere qualcosa di interessante e quindi non si può pretendere che discetti di musica a 360 gradi, da Zorn a Dylan e dagli Slayer a Guccini. 

Ah, perchè voi invece parlate di musica da Zorn a Dylan e dagli Slayer a Guccini?

Ecco, non mi prendere alla lettera, figliolo. Noi parliamo di quello che riteniamo valga la pena conoscere. Essendo un po’ di persone, ognuna delle quali con preferenze musicali diverse, ma al contempo tutti raffinati cultori – e ti prego di tirati via quel sorriso dalla faccia – può essere che prescindiamo dai generi, e nel giro di tre post tiriamo in ballo Battiato, i Bauhaus, Bon Iver, i Brutal Truth, Bjork, i Blue Oyster Cult, i Borknagar e i Bad Religion; e solo per stare alla lettera “B”.

Ora che ci penso, sarebbero tre post molto affollati. Magari ci starebbero in sei o sette.

Comunque, per venire incontro alle vostre capacità mentali (citazione) diciamo che stiamo nei solchi del rock indipendente, del punk e dell’hard/heavy metal.

Sì, comunque hai dimenticato i Beatles, i Black Flag e i Baphomet.

I Beatles? Ah, sì, quei sopravvalutati poppettari inglesi… Mah… Secondo me non faranno molta strada.

Ma quindi posso rivolgermi a voi per tutte le più fresche e scoppiettanti news del monto dell’entertainment?

Ma nemmeno per idea, non siamo un sito di news. Per quello c’è NME, Rolling Stone, Blabbermouth. Pitchfork, se sei un indiefighetto. In Italia c’è RockIt e qualcun altro di interessante. O c’era.

Ma allora cosa vi leggo a fare?

Vedo che sei duro di cervice. Hai presente cosa fa un magazine? Pubblica decine di news ogni giorno e cerca di recensire la maggior parte dei dischi che escono sul mercato. Noi non siamo un magazine. Siamo il negoziante di dischi di fiducia cui ti rivolgi per sapere cosa c’è di nuovo che valga la pena. Non ce ne frega niente dei Pullus Trullus che annunciano il nuovo batterista o del nuovo lavoro dei Mincul Pop, anche se è promozionato a mille dalla casa discografica. Nè come blogger. Nè come lettori (perchè siamo anche lettori!).

Quindi non fate recensioni, interviste, live report, come tutti i magazine… 

A volte sì, a volte no. Il bello di avere un blog è che il formato del post è estramamente flessibile.

Accettate collaborazioni?

A volte. Devi però superare le seguenti prove per dimostrare la tua competenza in materia:

  • recitare la discografia di Bob Dylan per ordine alfabetico
  • cantare tutta “Reign In Blood” in falsetto come Jimmy Sommerville
  • per contro, cantare un interno album a scelta di Antony and the Johnsons con la voce di Tom Araya
  • vestirti come uno a caso dei Manowar così come sulla copertina di “Into Glory Ride” e andare da tua madre dicendo “mamma, c’è una cosa che devo dirti…”

In alternativa puoi scriverci: penguinslovetorock at gmail dot com. Nel farlo, allega o linka un paio di articoli che hai già scritto. Evita di inviare CV. E leggiti questa pagina!

Bene, penso che andrò a esercitarmi con il falsetto…

Ottimo! Rimaniamo in contatto! Nel frattempo, ecco una nostro foto di gruppo.

 

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)