fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

We learned more from a three minute record than we ever learned in school — B. Springsteen (No Surrender)

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Le 10 canzoni migliori del 2012. Fino ad oggi, ovviamente.

Francesco Eandi ha postato questo articolo il 20/06/2012
Audio Featured Rock + Pop Video //

No, davvero. Non prendetela come una classifica particolarmente ragionata. Sono solo le canzoni che più ho ascoltato da gennaio ad oggi. Il che non vuol dire che siano necessariamente le migliori. Ma sapete come si dice – non sono bello ma piaccio. Ecco, queste sono quel genere di brani: magari non belli – colpi di genio imprescindibile – ma piacciono. A me, almeno.

E non è mica poco.

Purity Ring – Obdear

Elettronica minimal e video non ufficiale particolarmente riuscito. Non si sa cosa sia più inquietante, se la musica, il video, o l’insieme dei due.

Poliça - Dark Star

Sound incredibile quello dei Poliça. Indie rock, elettronica. E poi il sax. Ma allora da Mineapolis non viene solo Prince…

Xylos – Summerlong

Ci vuole un pezzo così per riprendersi dall’inquietudine comunicata da Poliça e Purity Ring. Good pop from NYC.

Xavier Rudd – Follow the Sun

Con i cantautori che non siano quelli classici italiani, conosciuti attorno ai falò del tempo degli scout, ci bazzico poco. Ma ci sono certi momenti in cui una canzone di Xavier Rudd è esattamente quello di cui hai bisogno. Fortunatamente sono pochi i momenti così…

Marina And The Diamond – Bubblegum Bitch

Sì lo so che vi abbiamo fatto due balle così con Marina e la sua scorta di diamanti, ma che ci volete fare. Questo è power pop della miglior risma: lo suoni con la chitarra distorta, con quella classica, con la pianola bontempi, togli i sintetizzatori, li metti, cavi via la batteria elettronica, ci metti i fustini del dixan, ma il risultato non cambia. Mica potete dirlo di tante canzoni.

Diiv – Doused

La cosa più vicina ai Cure del periodo d’oro – che poi sarebbe quello del periodo buio – che si possa trovare oggi. In questa traccia, in realtà, perchè altre cose sono un po’ più mainstream.

Regina Spektor – Don’t leave me (Ne me quitte pas)

Ho una mia personale teoria su Regina Spektor: che sia la versione meno pretenziosa di Tori Amos. E io amo molto Tori Amos, ma la trovo un po’ pretenziosa.

Anathema – Untouchable part I

Cosa penso del disco ve l’ho già detto. E quindi.

Niky And The Dove – DJ Ease My Mind

…e anche cosa penso di Niky e la colomba. Peccato che il disco nella sua interezza non sia al livello di questo pezzo e di “Tomorrow”.

I See Stars – Filty and Friends Unite

Non vorrei pensaste mi sia ammorbidito.

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)