fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

We learned more from a three minute record than we ever learned in school — B. Springsteen (No Surrender)

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


When Seattle meets Milano – Death Cab for Cutie

Francesca Garattoni ha postato questo articolo il 11/06/2012
Featured Gallery Rock + Pop //

Il lunedì, si sa, è il giorno peggiore della settimana: il weekend appena passato, la mente ancora in spiaggia a prendere il sole e il corpo in ufficio davanti a un computer. Poi ci sono le eccezioni, lunedì anomali che aspetti con trepidazione, che non vedi l’ora che arrivino come il passato 4 giugno, perché per una sera l’Alcatraz di Milano diventa un po’ Seattle quando sul palco salgono i Death Cab for Cutie.

Il locale non straripava di gente come sarebbe successo in una qualsiasi venue di Seattle con i Death Cab in cartellone, ma ugualmente si sentiva l’attesa per questo gruppo che non tornava nel Bel Paese da sei anni. Nei discorsi delle persone si sentivano sussurrate speranze di sentire questa o quella particolare canzone, l’impressione era di stare davanti ad un pubblico colto, preparato, non solo di gente che “ah si, sono quelli della colonna sonora di O.C.” o di uno dei film di Twilight, ma un pubblico posato (e forse un po’ nerd) com’è il gruppo sul palco: niente atteggiamenti da rock star primadonna e niente chitarre sfasciate, solo del corposo e sano rock. 

La scaletta è stata quella di un ipotetico greatest hits del gruppo: nonostante questo sia infatti il tour di promozione del loro ultimo album uscito lo scorso anno, “Codes and Keys”, i pezzi sono equamente presi da tutta la discografia, pietre miliari della storia del gruppo ma presentati senza cadere nel banale o nello scontato.

L’apertura è affidata da “Home is a fire”, inquieta, ossessiva, come lo stesso Ben Gibbard nel cantarla, saltellante senza pace sul palco. A seguire forse l’unica canzone che mi sta davvero antipatica in tutta la discografia dei Death Cab, “I will possess your heart”. Non che sia una brutta canzone, anzi, il giro di basso all’inizio è qualcosa di delizioso finchè non diventa claustrofobico, ma i troppi passaggi in radio quando era il singolo di punta di “Narrow Stairs” l’hanno resa stucchevole alle mie orecchie. Superato quindi questo passaggio obbligato di singolo-che-non-può-mancare-nella-scaletta, il resto del concerto è stato un viaggio senza intoppi attraverso il meglio dell’alternative rock del Great Northwest, un po’ come guidare lungo la I-5 da Seattle a Bellingham, città natale del gruppo, sotto il cielo terso, e sentire tra le note non il grigiume della città ma il profumo dei boschi.

Dopo una toccante esecuzione di “What Sarah Said”, è il momento del pezzo acustico, silenzio in sala, fiato sospeso e solo Ben Gibbard sul palco per quella “I will follow you into the dark” che fa stringere il cuore e abbracciare ogni coppietta innamorata presente in sala pensando “questo si che è amore” quando invece probabilmente l’amara verità sta nelle parole della signora in nero “Son, fear is the heart of love”. Finito il momento depressione, è ora snocciolare altre perle come “Title and Registration” o la dolcissima “Soul meets body”. Dopo più di un’ora e mezza di musica, “The sound of settling” chiude il set principale.

Il gruppo educatamente saluta, ma sappiamo tutti che torneranno tra poco, perché hanno ancora emozioni da dare. Ed eccoli che tornano, tutti e quattro ai loro posti per dare ad un pubblico insaziabile nell’ordine “Portable television”, “A movie script ending”, “Cath…” e infine una maestosa esecuzione di “Transatlanticism”. Svanita l’ultima nota, esplodono gli applausi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)