fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

What makes the most money for this business? Dead rock stars. — Courtney Love

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Paradise Lost – “Tragic Idol”: La tradizione continua

Nico Segantin ha postato questo articolo il 30/04/2012
Audio Featured Metal + Punk //

I Paradise lost sono dunque giunti alla loro tredicesima fatica in studio e continua l’opera di restaurazione dopo l’infausta infatuazione per i Depeche Mode ed il synth rock. Oggi più che mai il punto di riferimento costante rimane il loro lavoro più riuscito, ovvero “Draconian Times”. Ovviamente difficilmente riusciranno a raggiungere nuovamente una tale vetta a livello di ispirazione o a creare nuovamente un lavoro che abbia la stessa rilevanza storica; questo però non significa che non siano in grado di creare dei buoni dischi, con i limiti di cui sopra. Il nuovo “Tragic Idol”, con la sua grafica in stile art nouveau, è esattamente questo: un buon disco che sicuramente non mancherà di soddisfare i palati dei loro fan e di tutti gli iniziati al verbo del gothic/doom metal del quale i Paradise Lost sono valentssimi esponenti da un lunghissimo periodo. Al solito, le canzoni sono coese ed ispirate, soprattutto il lavoro alla chitarra solista di Gregor MacKintosh che, dopo la brutale sferzata inferta coi i Vallenfyre, ritorna nei ranghi perfettamente rinvigorito e indenne. Ci sono episodi forse un po’ più debolucci come la non riuscitissima “Honesty in death”, ma nello svogersi del disco, c’è spazio per la melodia di “In this we dwell” come per brani maggiormente movimentati come “Theories from another world” o variegati come “Fear of impending hell” o la title track. Ma forse il brano migliore è la conclusiva “The glorious end”.

Ogni ascoltatore dunque si disponga a ricevere questo nuovo lavoro, come quello di una band che è stata in grado di creare un proprio suono, che va apprezzata sia per la sua valenza storica, sia per la strenua dignità dimostrata nel dare alle stampe lavori il cui standard qualitativo si è sempre mantenuto a livelli assolutamente alti, non permettendo alla propria formula di invecchiare.

http://www.youtube.com/watch?v=fSGPgcjE2tw

http://www.youtube.com/watch?v=ECfihC_ChDU

http://www.youtube.com/watch?v=AjewqhVUJwE

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)