fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

Everyone talks about rock these days; the problem is they forget about the roll. — Keith Richards

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Napalm Death – “Utilitarian”: che la rabbia sia con voi

Nico Segantin ha postato questo articolo il 27/02/2012
Audio Featured Metal + Punk //

Con ogni disco dei Napalm Death è sempre come ritrovare dei vecchi amici: conoscendoli da lunga data sai cosa aspettarti, ma sai che devi concedergli fiducia perchè sapranno ancora dare voce alla tua voglia di reagire di fronte alle ingiustizie e al conformismo, e tenteranno, nei limiti del loro linguaggio, di mettersi in discussione e di aggiungere nuove sfumature a ciò che li contraddistingue. 

Quello dei Napalm Death è un suono maturo ma niente affatto stanco o vetusto: questo nuovo “Utilitarian” dimostra al di là di ogni ragionevole dubbio, che non si è mai troppo vecchi per alzare la propria voce oltre il muro del suono e far esplodere la propria rabbia in faccia a chi se lo merita.

Il disco suona incredibilmente rabbioso e determinato: accantonate anche le cupe dilatazioni che avevano trovato spazio nei precedenti lavori, va dritto al punto senza fronzoli, con un groove spropositato, risultando anche più digeribile, snello e ficcante.

Barney abbaia ira come un pitbull ferito, ma sa ritagliarsi anche momenti interessanti come in “The Wolf I Feed”, dove accenna addirittura ad un cantato pulito che riporta alla mente i Fear Factory. In “Fall On Their Swords” vengono inseriti cori di un’imponenza quasi epica, mentre chi va alla ficerca della furia cieca può farsi del male con “Nom de Guerre”. Ma il vero apice del disco rimane la rinnovata (22 anni dopo!) collaborazione col sassofonista d’avanguardia John Zorn, insieme al quale il gruppo di Shane Embury dà  vita ad una memorabile “Everyday Pox”.

Rendetegli omaggio o rimanete schiacciati sotto ai loro colpi! Il disco è attualmente ascoltabile in streaming sul sito www.cmdistro.de

http://www.youtube.com/watch?v=Tft3ViI21ys

http://www.youtube.com/watch?v=Q9SyofJT0pw

http://www.youtube.com/watch?v=iLbg2Lqwz2A

http://www.youtube.com/watch?v=yEUyPpzCfxc

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)