fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

Rock’n’roll has absolutely nothing to do with music. It’s much more than music. Rock’n’roll is who you are. — Lux Interior

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER

Alessandro Bonetti

¡Viva España! 5 band iberiche per una scena indie in ebullición

Alessandro Bonetti ha postato questo articolo il 29/01/2012
Carne Fresca Featured Rock + Pop Video //

Una volta li guardavamo come i nostri cugini poveri, credendoci superiori in molti campi; e poi, piano piano, le nostre certezze si sono sciolte come neve al sole. Dal boom economico (beh, con qualche difficoltà anche loro nell’ultimo periodo) allo sport passando per la musica, la nazione iberica ha dimostrato che alla fine la Spagna è ben piú di jamon serrano e paella

Ecco quindi in rapida rassegna cinque gruppi che in questi ultimi anni sono saliti alla ribalta di una scena indie in continua ebullición.

Nudozurdo – “Otra Vez”

Tre anni fa piazzarono un lavoro, “Sintetica”, pressoché sconosciuto al di fuori dei confini nazionali. Una di quelle gemme nascoste che ricompensano con gli interessi gli ascoltatori piú curiosi grazie alle sfumature plumbee e agli spunti di basso e chitarra che ricordano i primi Interpol, quelli di “Turn On The Bright Lights”.

Migala – “Lecciones de vuelo con Mathias Rust”

Una band purtroppo estintasi dopo una lunga carriera senza tuttavia raccogliere i frutti di un talento fuori dal comune nel tessere trame sonore di qualità assoluta. Il loro ultimo lavoro, “La Increible Aventura” è una collezione di atmosfere intense capaci di coniugare emozioni ed orecchiabilità

Los Punsetes – “Pinta de Tarao”

Una delle facce nuove dell’indie spagnolo, i Los Punsetes zigzaga tra i paletti dell’alternative con mestiere, piazzando ballate sognanti e rasoiate al limite del punk. Due dischi all’attivo ed continuo gorgogliare di emozioni che mantengono un forte taglio malinconico.

Polar – “41″

Mescolando dream-pop e slowcore, i Polar hanno lentamente conquistato gli amanti di un genere musicale portato naturalmente all’introspezione in virtú di una tramatura sonora che privilegia dilatazioni spazio-temporali dense di fascino. Da ascoltare ripetutamente per cogliere i piccoli dettagli sonori disseminati lungo ellissi dalla bellezza accecante.

Lisabö – “Hazi eskukada”

Finiamo col botto. Si perché i Lisabö sono una formazione post-hardcore che combina muscoli e cuore con punte di altissima qualitá: la perfetta sintesi di melodia e violenza tra traiettorie spigolose ed aperture post-rock. Il fatto poi che i testi siano in basco rende la proposta ancora piú intrigante.

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)