fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

Most rock journalism is people who can’t write, interviewing people who can’t talk, for people who can’t read. — Frank Zappa

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Cathedral: a Londra si è consumato l’addio (e noi c’eravamo!)

Nico Segantin ha postato questo articolo il 10/12/2011
Featured Metal + Punk Video //

L’occasione era clamorosa: i Cathedral e il loro concerto di addio all’ HMV Forum di Londra.

Una scelta coraggiosa, per quanto triste, che merita le code all’aeroporto, i trasferimenti a notte fonda in una Londra che pare satura di ubriaconi, i soldi spesi in poster e vinili esclusivi e tutto quello che una trasferta del genere può comportare. Il locale è assolutamente l’ideale per seguire il concerto aperto dai simpatici e festaioli Gentleman’s Pistols che ti accolgono all’interno del forum (che sembra più un cinema, per la verità) con un’atmosfera quasi familiare ed assai calda anche se il locale deve ancora riempirsi a dovere.

I defezionari Comus (voci incontrollate parlano di problemi di salute da parte di uno dei loro componenti) vengono sostituiti dai Cressida, un ensamble attempato forse in linea con le ultime passioni di Lee Dorrian per le tastiere anni ’70, ma che, nonostante la maestria, riesce a strappare vistosi sbadigli a molti degli intervenuti. Ci pensano i Grand Magus ad incendiare definitivamente le polveri con una prestazione potente ed energica, nonostante qualche stecca vocale, i nostri sfoderano una prova in grado di fare da perfetto apripista metallico ai veri protagonisti della serata.

I quali, alla faccia dei 20 e passa anni di carriera, si presentano in grandissima forma all’ evento. Forti di suoni assolutamente fra i migliori mai sentiti (l’acustica del forum si rivela eccellente!), di proiezioni laterali tipiche (b-movies degli anni ’70, che altro?) e di una carica che, nonostante sia l’ultima esibizione ufficiale, non accenna a scemare.

Dopo una breve intro tasteristica, l’apertura, affidata a “Vampyre Sun”, genera un boato che, per un secondo, pare quasi coprire i 6 Marshall di Gaz Jennings… e di lì in avanti il concerto lascia quasi senza fiato. Quasi  non ci si accorge del trascorrere del tempo, tale e tanta è la partecipazione di ogni intervenuto a questo struggente concerto di addio… e quando Lee Dorrian introduce, a completamento dei bis, “I’ll miss you, but not as much as you’ll miss me, because I’m Matthew Hopkins, witchfinder” non sembra quasi vero di essere giunti al termine di una esibizione che avrebbe tranquillamente potuto durare all’infinito.

Alla fine lo stesso Dorrian si strozzerà col cavo del microfono per poi essere portato via da quattro incappucciati di rosso vestiti, senza più tornare sul palco per abbandonarsi a strazianti addii. E fu così che i Cathedral fecero il loro ingresso trionfale nel Walhalla del metal e poterono ritenersi finalmente immortali nei cuori dei loro fan!

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)