fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

What makes the most money for this business? Dead rock stars. — Courtney Love

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


The (Face)book of the dead, o l’arte del necrologio condiviso

Marco Banfi ha postato questo articolo il 14/11/2011
Featured Miscellanea //

Marco Simoncelli Steve Jobs

Premessa: questo post avrà un po’ di premesse. Probabilmente, più premesse che post.

Premessa 1: questo post è volutamente al di fuori dei soliti schemi di Penguins Love to Rock.

Premessa 2: questo post prende spunto dalla prematura scomparsa di due “V.I.P.”, ma non vuole essere minimamente denigratorio o offensivo della memoria dei soggetti in questione.

Premessa 3: questo post prende spunto da comportamenti di massa derivanti dal punto 2. Pur senza voler essere particolarmente denigratorio o offensivo della libertà di espressione di tante persone, può darsi che alla fine lo risulti.

Premessa 4: uno dei due personaggi del punto 2 ha influenzato moltissimo la mia vita di Mac User dal lontano 1990. Del secondo, per esser franchi, me ne poteva fregare grossomodo quanto della presenza di terra sotto le unghie del mio vicino di casa. Pertanto, questo post non è originato da simpatie o antipatie nei confronti dei soggetti in questione.

Premessa 5: adesso la smetto con le premesse … leggete quanto segue con una buona dose di spirito e proviamo a farne uno spunto di discussione e non di polemica. 

6 ottobre 2011. Mi sto imbarcando sull’aereo per Roma quando nell’ultimo sguardo su facebook fa capolino il primo status che lascia intendere il prematuro trapasso di Steve Jobs. Passata la lacrimuccia derivante dalla mia radicata passione per i prodotti della mela morsicata, il primo pensiero è stato: “cheppalle, chissà che casino sulla bacheca”. Come volevasi dimostrare, dopo 50 minuti di volo la mia pagina facebook esibiva tronfia rutilanti necrologi di gente pronta a sbandierare al mondo come i tre giorni della loro vita passati con un iPhone li avessero resi fratelli di latte del buon Steve.

23 ottobre 2011. Il povero Marco Simoncelli sta ancora strisciando sull’asfalto di Sepang, quando spuntano in simultanea tre necro-post in merito. Leggendoli accendo la TV per capire cosa sia successo, da cicloamatore della domenica mi rammarico per lo sfortunato pilota, dopodiché penso: “cheppalle, chissà che casino sulla bacheca”. Puntualmente, seguono tre giorni buoni di esibizioni di lutto con attestati di fratellanza ed imperitura stima e solidarietà verso un soggetto che fino al giorno prima era – nei casi migliori – la faccia delle patatine San Carlo.

Ora, mettendo da parte i panni del rocker cinico che direbbe in entrambi i casi “live fast, die young”, credo sia interessante in termini di “nuovi costumi sociali” analizzare questo fenomeno.

Cosa ha spinto buona parte dei miei contatti facebook, in due giorni caratterizzati peraltro da tragedie di ben maggiore portata (il crollo di una casa a Barletta con 4 vittime che lavoravano in nero per 5€ l’ora, e il terremoto in Turchia), a condividere (perché, va anche detto, si trattava 99 volte su 100 di condivisioni di link altrui) messaggi che oscillavano senza mezzi termini da toni da uomo vero stile “Marlboro Country” a un’iconografia talmente stucchevole da rendere acido il messaggio d’amore di una 14enne alla sua popstar preferita? Perché affermati professionisti vogliono far sapere a grossomodo altrettanto affermati professionisti le loro emozioni mediante i risultati di incomprensibili amplessi tra photoshop e i messaggi dei baci Perugina?

Sono cambiati i tempi e i costumi e, quindi, il modo di manifestare un sentimento che dieci anni fa si sarebbe risolto in due battute tra amici? Oppure questa ostentazione papale di un dolore vero o presunto fa parte del super-ego che tutti ci costruiamo nei social network?

Nel dubbio, ringrazio i nuovi filtri di facebook … alla prossima occasione saranno molto utili …

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)