fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

A typical day in the life of a heavy metal musician consists of a round of golf and an AA meeting. — Billy Joel

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Get Scared – “Best Kind Of Mess”. Se avete 15 anni, per questi tre ragazzotti impazzirete.

Margot Del Rei ha postato questo articolo il 22/10/2011
Carne Fresca Metal + Punk Video //

Sì, lo so, potrebbe non avere molto senso parlare di un disco mediocre di una band sconosciuta ai più. Voglio dire: se di carne fresca dobbiamo parlare, che sia a proposito di buone bistecche con osso e ciccia, e non di polpettine stantie e sottofiletti anemici: di quelle meglio tacere, abbandonandole all’oblio immediato. E di fatti del primo full-lenght di esordio degli americani Get Scared, “Best Kind of Mess”, tutto sommato si potrebbe anche tacere. Se non fosse che l’uscita del disco mi ha dato occasione per scoprire i due ep iniziali del gruppo. 

I quali sono indiscutibilmente migliori. “Cheap Tricks and Theatrics” (2010) è un mix di hardcore, emo (screemo, direbbe qualcuno), liriche zeppe di suggestioni horror, e glam. Che è poi la formula anche dei lavori successivi, con la differenza che su “Cheap…” le canzoni ci sono, le melodie anche, la voglia di sperimentare pure, e le chitarre distorte non sono da cercare con il lanternino. Numi tutelari, da Alice Cooper ai migliori Linkin Park e My Chemical Romance (e non fatte quella faccia: alcune cosine valide le hanno scritte pure loro). Quindi efficacemente, moderatamente, saggiamente paraculi.

Il grado di paraculaggine è rimasto inalterato nel secondo omonimo ep, di fatto un antipasto del full lenght, dal momento che due canzoni su tre verranno riprese proprio sull’ultimo lavoro “Best Kind of Mess”. E quindi BKOM com’è?

E’ troppo levigato. Troppo catchy. La band si è preoccupata troppo che il disco non stesse ad ammuffire sugli scaffali, proponendo arrangiamenti ruffiani, aspirando alla categoria già affollata di teen-sensation e (quindi) levando troppo spesso il piede dall’acceleratore. Oppure, più semplicemente, il trio di rockstar wannabees dello Utah deve fare ancora un po’ di gavetta per essere credibile sulla lunga distanza di un disco completo. Peccato, perchè quel “Cheap Tricks…” era davvero interessante.

 

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)