fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

What makes the most money for this business? Dead rock stars. — Courtney Love

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Retox e Obake: hardcore senza compromessi i primi, una reincarnazione degli Zu i secondi

Nico Segantin ha postato questo articolo il 19/10/2011
Audio Carne Fresca Metal + Punk Video //

Carne fresca ma non freschissima per Retox e Obake.

Nel primo caso si tratta di una formazione di hardcore sud californiana che fa del suo linguaggio musicale diretto e senza fronzoli una bandiera. Come un pugno alla bocca dello stomaco che lascia senza fiato, come una corsa a rotta di collo che consuma le ultime molecole di ossigeno nei polmoni. Senza respiro e senza esclusione di colpi da parte di membri di bands come The Locust, Cattle Decapitation, Some Girls e Head Wound City: questo è “Ugly Animals”, su Ipecac Records.

Per parlare degli Obake (e del loro omonimo disco), sarebbe invece comodo evocare nomi altisonanti come Fantomas (il nome di Mike Patton vi dice niente?) e Zu, vista anche la presenza di Massimo Pupillo (al basso). Invece sarebbe un errore poiché gli Obake, che vedono all’opera anche Eraldo Bernocchi (chitarra), Balazs Pandi (batteria) e Lorenzo Esposito Fornasari (voce),  risplendono di luce propria alla faccia dei fantasmi illustri che si muovono alle loro spalle.

Un disco riuscito che non nega le sue parentele con certi mostri sacri, ma che ne amplia e ne rende compiuto il percorso sonoro spostandolo verso un’oscurità greve ed impenetrabile, ma non priva di venature atmosferiche e vicine alla musica da colonna sonora, come pure la sporadica comparsa di rumoristica varia ed assortita. Un disco riuscito e, personalmente, uno degli esordi dell’anno, su Rarenoise records: due dei loro brani sono ascoltabili qui.

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)