fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

If it’s illegal to rock and roll, throw my ass in jail! — Kurt Cobain

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER

Enrico Gregorio

Trent’anni dopo, ritornano gli Scream (grazie a Dave Grohl)

Enrico Gregorio ha postato questo articolo il 28/09/2011
Metal + Punk Video //

Essere adolescenti americani negli anni ottanta, adolescenti problematici, significava essere dei kids; si vestivano come punk, suonavano veloce veloce veloce, e scrivevano brani brevissimi. In quell’epoca hanno trionfato numerose band (The Adolescents, Black Flag, Husker Du per dirne alcune) e se ne sono formate altre, che partendo da quel background estetico e musicale rivoluzionarono la musica nel successivo decennio.

Gli Scream (da non confondere con la band metal The Scream) sono stati una di queste band; nati con la prima ondata puramente hardcore, hanno saputo tener duro per tutti gli 80’s, sopravvivendo all’involuzione del genere e dando vita a un percorso artistico personale e mai scontato. C’è una bella differenza infatti tra i primi brani di “Still Screaming”, canonici, e quelli del più maturo “Banging The Drum”, con canzoni come “People People” che durano anche cinque minuti e richiamano certo rock classico anni settanta nel mood sofferto della loro generazione.

Ma gli Scream sono principalmente ricordati per essere stati la band in cui suonò Dave Grohl prima di migrare nei Nirvana. E proprio a lui si deve questa  uscita, “Complete Control Recording Sessions”, ep registrato in presa diretta a febbraio proprio nel suo Studio 606. Chi si aspettava però che dietro alle pelli ci fosse quel picchiatore di Grohl rimarrà deluso: la formazione è infatti quella originale, che include Peter Stahl, Franz Stahl, Skeeter Thompson e Kent Stax; poco male, perché per sentire le piacevoli acrobazie del nostro al di fuori dei Nirvana basta ascoltare quel capolavoro di “Song For The Deaf” (Queens Of The Stone Age) oppure il più recente e più classico album con il supergruppo Them Crooked Voltures, o perché no, lo stesso “Wasting Light” con i Foo Fighters.

Per tutti gli altri, c’è questo bel ritorno sulle scene di una band che merita di essere ricordata per qualcosa in più che per aver ospitato un batterista poi divenuto famoso.

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)