fblogo Kico-On-Holiday-penguins-of-madagascar-11694823-1311-1080 Old Man Gloom blur Recensioni utili solo a seminar zizzania: Manowar – The Lord of Steel Ci sono momenti nella vita in cui uno dovrebbe dire "basta" all'uso indiscriminato dell'eyliner. Melvins Lite
Hot Tags: pop  Junk's Trunk  mp3  live  playlist  heavy metal  Doom metal  rock  

A typical day in the life of a heavy metal musician consists of a round of golf and an AA meeting. — Billy Joel

naviga

eventi

speciali

compile

PARTNER


Poster Art: 4 casi in cui la forma è meglio della sostanza

Francesco Eandi ha postato questo articolo il 07/07/2011
Featured Gallery Metal + Punk Miscellanea Rock + Pop //

Avete trovato le date disponibili e i locali giusti, affittato un furgoncino e salutato la mamma, e siete pronti ad imbarcarvi per il vostro primo tour col gruppo. Siete sicuri di aver pensato a tutto? Ma certo, le locandine ve le fa quel vostro amico esperto di Photoshop… d’altra parte ha appena finito un corso di computer grafica per disoccupati finanziato dalla regione – deve essere bravissimo! Tutto a posto, quindi, no?

No! State sottovalutando un aspetto fondamentale dei concerti rock – quello iconografico. Mai sentito parlare di “poster art”?

Malleus

Un trio di artisti, a Tortona (Piemonte), nel 2002 decide di aprire un “Rock Art Lab” dedito a tradurre in immagini su carta (e su numerosi altri materiali) la passione per la musica (con predilezione per lo stoner / sludge a tinte fosche). Da allora, non si sono più fermati. Tre artisti, tre mani diverse e riconoscibili. Nelle loro influenze l’espressionismo e il liberty, la pop art e il surrealismo. Photoshop come il fumo negli occhi: nella bottega di Malleus ci si sporca le dita per davvero, la computer grafica è lasciata volentieri agli altri. Hanno lavorato con chiunque (Cure, Nirvana, Afterhours, Johnny Cash, Chemical Brothers, Melvins, Candlemass) e per festival di tute le carature. Dal sito ufficiale potete anche comprare…



Emek

Artista americano, dal suo sito invita i visitatori a comprare i suoi poster prima che diventi veramente famoso, o veramente senza tetto. Ah, l’ironia! Per altro dice anche di aver preso “a Major in Art, and a Minor in Unemployment”. Insomma, una sagoma. Ma difficile che la disoccupazione bussi al suo laboratorio, dal momento che è uno dei più quotati iconografi del rock’n'roll negli USA. Queens Of The Stone Age, Audioslave, Grateful Dead, Mars Volta, Kraftwerk e Pearl Jam sono solo alcuni dei tanti che hanno già richiesto i suoi servigi.

Hydro74

Dietro il nick Hydro74 c’è un artista di Orlando a nome Joshua M. Smith, che ha fatto del suo bianco e nero, delle sue linee precise e affilate e dei suoi teschi un marchio di fabbrica. Non solo rock’n'roll per lui, ma anche typography e soggetti per tavole da snowboard, t-shirt e scarpe Nike e Rebook. Molto trendy, ma molto bravo.

Tiny Media Empire

Tutti gli illustratori fin qui citati fanno delle atmosfere oscure un elemento della loro arte, ma TME, l’agenzia guidata da Daniel Danger, fa del gotico – tratto, ombre, soggetti e colori – un marchio di fabbrica. Americano del New England, ha esposto a New York e Los Angeles, ha lavorato anche lui con una pletora di band (Modest Mouse, Decembrist, Arcade Fire, The Rapture, ecc. ecc.) e lui stesso suona in più band. E’ anche autore di cover di dischi, ma di questo magari ne parleremo un’altra volta.

…E se vi interessa il genere poster art, date anche un’occhiata ai link qui di seguito:

 

Aiutaci a diffondere Penguins Love To Rock! Clicca su uno dei seguenti: Leggi anche: Commenta!

cerca

Loading

seguici!

avete condiviso...

ultimi post

blogroll

newsletter

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter settimanale! :)